Mi presento

Paolo Battini

Paolo Battini

Frequento la V° A L.S.A. (triennio) del I.I.S. Via Copernico a Pomezia (RM)

Abito a Ardea (Roma)
Lazio
Italia


Chi sono

Sono un normale studente al quinto anno di liceo scientifico della provincia romana, mediamente simpatico, molto curioso e sensibile, altrettanto pigro, socievole con le persone giuste.

Letture, film, musica preferiti

Appassionato di romanzi storici e film di fantascienza, ascolto musica di quasi ogni genere, dal pop ai brani classici, purché sappia emozionarmi.

Hobby, interessi, curiosità

Nel tempo libero mi piace giocare ai videogiochi, leggere e magari fare due passi all'aria aperta. Mi interessano la scienza, l'innovazione tecnologica, la geopolitica ma anche la letteratura, la storia (soprattutto quella militare) e la filosofia.

Il mio sogno...

Un domani vorrei poter mettere le mie competenze al servizio della società, e magari un giorno rendermi protagonista di qualche grande scoperta scientifica! Parlando più a breve-medio termine, vorrei tanto imparare a suonare il pianoforte.

Il lavoro che mi piacerebbe...

Mi piacerebbe diventare ingegnere aerospaziale o energetico, sperando di trovare lavoro in questi ambiti per me molto affascinanti e stimolanti.

Le materie che mi interessano di più...

Mi affascinano particolarmente le nuove frontiere fisica e dell'esplorazione spaziale, indispensabili per cercare di comprendere meglio la realtà che ci circonda.

Il mio rapporto con la scrittura...

Nella scrittura ho sempre riconosciuto una delle forme più nobili ed efficaci di indagine della propria interiorità, un mezzo utilissimo per liberare le proprie emozioni e le proprie riflessioni, specialmente per chi, come il sottoscritto, fatica a confessarle a terze persone e si reputa molto sensibile. In particolare, quando mi sento ispirato sono solito scrivere delle brevi, semplici liriche in cui provo a racchiudere le mie sensazioni.

Come ho conosciuto le Olimpiadi di italiano e come mi sono preparato

Tale competizione mi è stata proposta sin dal primo anno di liceo dalla mia professoressa di italiano, incoraggiandomi a mettermi in gioco e sfidare le mie conoscenze, sino a diventare un impegno annuale immancabile. Solitamente, trovo utile ai fini della gara leggere il più possibile, in modo da migliorare la stretta padronanza della guida come anche la propria capacità espressiva ed il proprio bagaglio culturale.